DURC DEMATERIALIZZATO
Come anticipato, tra le misure introdotte dal Decreto legge 34/2014 (il decreto lavoro del Governo Renzi) per semplificare gli adempimenti a carico delle aziende è prevista la dematerializzazione del DURC.
 
In altre parole, l’attuale Durc sarà sostituito, a tutti gli effetti, dalla possibilità, per chiunque vi abbia interesse, di verificare la regolarità contributiva dell’azienda nei confronti di Inps e Inail (e Casse edili) tramite un’interrogazione telematica istantanea, cioè online e in tempo reale, semplicemente inserendo il codice fiscale del soggetto da verificare.
 
L’esito dell’interrogazione telematica avrà una validità di 120 giorni dalla data di acquisizione, sostituendo quindi il Durc a tutti gli effetti: il controllo della regolarità contributiva assolve l’obbligo di verifica della sussistenza del requisito di ordine generale per la partecipazione alle procedure di affidamento delle concessioni e degli appalti di lavori, forniture e servizi di cui al Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture, in attuazione delle Direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE (D.lgs. 163/2006).
 
Entro 60 giorni dall’entrata in vigore del Decreto legge (quindi entro il prossimo 20 maggio) dovrà essere emanato un apposito decreto attuativo, che definirà i requisiti di regolarità, i contenuti e le modalità della verifica e le ipotesi di esclusione, e dovrà ispirarsi ai seguenti criteri: