DETASSAZIONE PREMI DI PRODUTTIVITA' ANCHE PER IL 2014
Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 98 del 29 aprile scorso il DPCM 19 febbraio 2014, cioè il Decreto sulla detassazione dei premi di produttività 2014.
 
Il decreto stabilisce che, nel periodo compreso tra il 1° gennaio e il 31 dicembre 2014, l’agevolazione consistente nell’applicazione dell’imposta sostitutiva (dell’Irpef e delle addizionali regionali e comunali) del 10% sulle retribuzioni collegate alla produttività si applica con esclusivo riferimento al settore privato e per i titolari di reddito da lavoro dipendente non superiore, nel 2013, a 40.000 euro (da assumere al lordo delle somme assoggettate nello stesso anno alla relativa imposta sostitutiva). L’importo massimo della retribuzione di produttività individualmente agevolabile viene innalzato, nel 2014, a 3.000 euro lordi (rispetto ai 2.500 euro del 2013).
 
Per retribuzioni collegate alla produttività, come noto, si intendono i redditi erogati, in esecuzione di contratti collettivi, con espresso riferimento a indicatori quantitativi di produttività, redditività, qualità, efficienza e innovazione. Per poter beneficiare dell’agevolazione è quindi necessario un accordo collettivo aziendale o territoriale.
 
Ai sensi del provvedimento, entro il 30 giugno 2014 ai ministeri dell’Economia, del Lavoro e dello Sviluppo Economico compete il monitoraggio sull’agevolazione in esame, anche al fine dell’eventuale adozione di specifiche proposte e iniziative di revisione.
 
Continuano ad essere applicabili, in quanto compatibili, le disposizioni contenute nel precedente DPCM 22 gennaio 2013.